Tag

Vorrei fare una piccola premessa, prima di entrare nei dettagli.

Non sono mai stato bravo a scrivere ringraziamenti. Un po’ per colpa della mia memoria, che è davvero molto sconclusionata (per motivi che non vi sto a spiegare qui per non tediarvi) e che mi porta a dimenticare nomi, ruoli, importanza di causa ed effetto, e un po’, ma soprattutto, perché ho sempre preferito ringraziare di persona, anche scrivendo privatamente, laddove le persone da ringraziare fossero troppo distanti.

Sul Manuale di fisica e buone maniere, infatti, non ci sono prefazioni, ringraziamenti e neanche conclusioni. Questo anche perché ritengo che un libro, una storia scritta, debba essere solo una storia da leggere e non un trattato su amicizia o su crediti da elargire. Un libro deve avere un titolo, un inizio e una fine. Stop, senza essere “inquinato” (passatemi il termine) da personalismi dell’autore. Ma questa è un’altra storia.

Conclusa la premessa, passiamo ai fatti.

Il 26 agosto 2017 il Manuale ha ricevuto il prestigioso premio letterario RAFFAELE ARTESE – Città di San Salvo, piazzandosi secondo su oltre 100 titoli presentati. Volevo arrivare primo? Certo, come tutti. Mi è dispiaciuto arrivare secondo? Certo, come sarebbe capitato a tutti.

Eppure sento che questo piazzamento ha un significato davvero molto più profondo e notevole che va oltre la posizione finale.

Quando avevo solo in mente di scriverlo un libro, un libro qualsiasi, pensavo a chi aveva già pubblicato e provavo una certa invidia. Poi ho pubblicato anche io, non in autoproduzione, e sono stato soddisfatto, certamente. Eppure mancava qualcosa, perché non mi sentivo ancora un vero scrittore.

Mancava un riconoscimento ed è arrivato a San Salvo. Dal 26 agosto 2017 mi sento anche io uno scrittore vero, anche se il Manuale dovesse restare il primo e l’ultimo romanzo della mia produzione.

Ci sarebbe tanto altro da dire, ma vorrei soffermarmi sulle persone che ho incontrato. Voglio ricordare due persone in particolare. Una è Virginio Di Pierro, che mi ha accompagnato nei giorni precedenti alla premiazione. Una persona molto disponibile e davvero simpatica. Mi spiace davvero non poter vivere in qualsiasi posto vicino a San Salvo per avere il piacere di poterlo frequentare di più.

Poi Laura D’Angelo, che mi ha intervistato e che ha colto nel Manuale alcuni aspetti che neanche io ero riuscito a definire bene. Grazie Laura, quando sono disponibile vuoi per quella chiacchierata, prima di immergermi nella scrittura del secondo.

Vorrei ringraziare tante altre persone, partendo dagli organizzatori, vale a dire il Lions Club e l’Amministrazione Comunale di San Salvo, il presidente del Premio, Giovanni Artese, la giuria tecnica e quella popolare e chissà quanti ne ho dimenticati. Mi fermo quindi qui, ‘che poi diventerei noioso e ripetitivo.

L’ultimo ringraziamento che mi sento di fare è quello ai cittadini di San Salvo, che siano giurati, sindaci, presidenti o altro. Siamo stati nella cittadina abruzzese poche ore, essendo ripartiti a notte fonda per Genova, e ci avete fatto sentire come se ci conoscessimo da sempre, come se fossimo a casa, estremamente ben voluti. Ogni persona aveva per noi un sorriso e un pensiero gentile per la nostra piccola Nika e chiunque abbiamo incontrato si è prodigato per farci sentire a nostro agio. La sera, durante la cena, mi sentivo tra amici e vi assicuro che mi capita davvero di rado. Mi è dispiaciuto ripartire subito, davvero molto.

Concludo con un saluto ai miei colleghi di finale. Domenico e sua moglie Lucia, lui persona davvero alla mano ed emozionatissimo e lei che ha fatto innamorare nostra figlia, Pietro, occhi intensi e delle spalle grandi che ne hanno viste tante e che hanno contribuito a scrivere il romanzo vincente  e Matteo, personalità da vendere e una di quelle coincidenze davvero incredibili, e lui sa di cosa parlo.

Se mai passerete per Genova, sarà un piacere incontrarvi di nuovo.

Grazie a tutti, grazie di cuore per aver intrecciato le vostre vite con la mia, anche se è stato solo per qualche ora.

A presto,

Daniele Germani

foto finale artese